Ancona: Ancona città da vivere, partendo dalla storia

Vacanze e visita ad Ancona, il capoluogo da visitare.


Ancona è il capoluogo dell'omonima provincia e della regione Marche ed è strettamente legata al mare, sorge infatti su un promontorio che protegge uno dei porti naturali più estesi dell'Adriatico. Il promontorio, creato del monte Conero, presenta la caratteristica forma a gomito piegato ed in origine era costituito da uno sperone molto più proteso verso il mare, formando un approdo sicuro per gli antichi popoli che vi si insediarono, in particolare in prossimità dei costoni del Guasco e dei Cappuccini.

La struttura portuale di Ancona è attualmente una delle più efficenti tra quelle affacciate sull'Adriatico e, oltre ad essere fondamentale per il trasporto merci e per la pesca, garantisce i collegamenti per i passeggieri con la Grecia, la Croazia, l'Albania, il Montenegro e la Turchia.

Numerose sono le spiagge che fanno della costa di Ancona una meta molto frequentata nel periodo estivo, in particolar modo va menzionata la spiaggia del Passetto, la più centrale e caratterizzata dalla presenza di costa alta e ricca di scogli.

In prossimità della spiaggia sorgono gli scogli denominati la Seggiola del Papa e del Quadrato, simboli della città e molto apprezzati dagli amanti dei tuffi nelle acque alte. Spostandoci verso nord la costa si presenta più bassa e le spiaggie sono sabbiose. Ancona non è solamente una città di mare, racchiude infatti al suo interno un centro storico ricco di storia, arte e cultura.

Da non dimenticare una visita al sottosuolo di Ancona, caratterizzato dalla presenza di opere idrauliche per l'approvigionamento della città e ai numerosi parchi, tra cui il Parco del Conero.

Numerose sono le personalità che hanno legato il loro nome a quello di Ancona, per aver rappresentato la città nei loro dipinti o nelle loro sculture, come il Maestro delle imprese di Traiano, Antonio Dianti, Vittore Carpaccio, Giovanni Bellini, Vittore Belliniano, il Pinturicchio, Carlo Crivelli, Tiziano Vecellio e Jakob Philipp Hackert, o per averne parlato nelle proprie opere o trattati, come Catullo, Giovenale, Dante Alighieri, Giacomo Casanova, Madame de Stael e Joyce Luss.

La città marchigiana ha dato i natali a molte personalità illustri, dai tre autori celati sotto lo pseudonimo di Paolo Agaraff al giornalista Luigi Albertini, dal cantante lirico Franco Corelli ai patrioti del Risporgimento Antonio ed Augusto Elia, dall'umanista Ciriaco Pizzecolli all'economista Giorgio Fuà, dai poeti dialettali Franco Scataglini e Duilio Scandali all'economista Benvenuto Stracca e al matematico Vito Volterra.

Ampio spazio è dato alla tradizione e alla valorizzazione dei prodotti locali, attraverso l'organizzazione di numerose fiere e mercatini, che periodicamente interessano le principali zone del centro storico di Ancona: la Fiera di San Ciriaco, la Regata del Conero, la Festa della Venuta, il Mercatino dell'Artigianato, il Mercatino al Rjo' dej Archi, la Tipica, riservata ai produttori agricoli e, durante il periodo natalizio, numerosi mercatini a tema. Interessanti manifestazioni sono inoltre organizzate all'interno degli spazi espositivi del quartiere fieristico della città, prima fra tutte la Fiera Internazionale della Pesca.

Ancona rappresenta un forte richiamo anche per quanto riguarda l'enogastronomia, rappresentata in modo eccellente dai prelibati piatti a base di pesce, tra cui il brodetto all'anconetana, lo stocafisso all'anconetana e i moscioli alla marinara, da servire accompagnati dai numerosi vini prodotti nella regione, dal Verdicchio al Rosso Conero e all'Esino Bianco.

Ancona figura nella lista delle Città decorate con la Medaglia d'Oro la Valor Militare, in quanto benemerite del Risorgimento, per premiare le azioni patriottiche compiute dai suoi cittadini.

 
Ultime notizie pubblicate